Il Kambo è la secrezione di un rana, la Phyollomedusa Bicolor. Dopo aver procurato delle piccole ferite superficiali sulle braccia o sulle gambe della persona da curare, viene applicata la secrezione della rana affinchè entri in circolo. La secrezione della rana Kambo contiene sostanze peptidi come la dermorfina e la deltorfina che hanno proprietà analgesiche e che rafforzano il sistema immunitario, provocando la distruzione di microrganismi patogeni attraverso la produzione di anticorpi come reazione al veleno. Attraverso l’effetto purgativo avviene anche un processo di detossificazione del fegato, solitamente attraverso l’espulsione di bile amara attraverso il vomito e dell’intestino, attraverso l’evacuazione. Gli effetti durano circa quindici minuti e dopo una mezzora dalla fine del trattamento la persona è già pronta a ritornare alle sue normali attività.

L’applicazione del Kambo ha presentato grandi benefici nel trattamento di persone con un basso sistema immunitario, dolori ed infiammazioni in generale, spossatezza, tendiniti, emicrania, asma, allergie, ulcere, diabete, stitichezza, problemi di pressione arteriale e circolatorii, colesterolo alto, cirrosi, stress, irregolarità mestruale, riduzione della libido, depressione, crisi di panico e tossicodipendenze.

Il kambo è da evitare per persone che hanno o che hanno avuto problemi cardiovascolari, persone che soffrono di problemi di pressione (ipertensione o ipotensione) e che prendono farmaci per questa patologia, persone che soffrono di patologie respiratorie gravi, donne in stato di gravidanza o in periodo d’allattamento.